03/01/2021   Koji Hoga Miura (JPN): le ragioni per le quali sarebbe da adeguare la definizione della marcia






 

 

Koji Hoga Miura, affermato biomeccanico universitario e collaboratore dell’Head Coach della squadra nazionale di marcia del Giappone, Fumio Imamura, ci ha inviato, con preghiera di pubblicazione questo suo intervento nel quale motiva le ragioni per le quali, a suo avviso, sarebbe necessaria una re-scrittura della regola della marcia, più adeguata ai tempi correnti ed alla attuale tecnologia.

 

Lo abbiamo integralmente proposto ai nostri lettori affinché possano farsi una profonda opinione. 

Chi è interessato può contattare Hoga al seguente e mail: Koji Hoga Miura

 

 


 

 

Differenza tra correre e camminare espressa linguisticamente

 

Le regole tecniche dell'atletica definiscono la marcia come quella specialità in cui:

 

(1)  la progressione dell’atleta avviene in modo che non si verifichi alcuna perdita di contatto con il terreno, 

 

(2) la gamba che avanza deve essere tesa (cioè non piegata al ginocchio) dal momento del primo contatto con il suolo fino alla posizione verticale verticale e infine

 

(3) giudicata dall'occhio umano. 

 

Inoltre, molti libri di testo di kinesiologia definiscono il confine tra corsa e camminata normale come il mantenere o meno il contatto con il suolo con il piede di appoggio.

D'altra parte, anche gli eccellenti marciatori mondiali, che sono elogiati come "ideali" da esperti giudici internazionali di marcia, subiscono una leggera assenza del tempo di contatto con il terreno. Sebbene questi marciatori abbiano finito molte volte in competizioni internazionali di alto livello senza alcuna paletta gialla e/o cartellini rossi emessi dai giudici internazionali di marcia che hanno giudicato in quelle competizioni, uno o due fotogrammi di perdita di contatto sono stati rilevati da telecamere home-video a 60 fps.

 

Tali contraddizioni sono comunemente note da circa 30 anni, dopo che le telecamere per la registrazione di videocassette domestiche si sono diffuse ampiamente nella scena sportiva. Tuttavia, questi fatti non sono stati risolti fino ad oggi, anche se sono passati 30 anni. È probabile che si possa mettere in dubbio la validità delle regole e delle definizioni della marcia. Nel 2002, 18 anni fa, un articolo che avevo scritto sulle regole della marcia pubblicato sulle colonne nella nostra rivista di ricerca del Giappone "The Japanese Journal of Biomechanics in Sports and Exercise" proponeva che la formulazione della perdita di contatto nelle regole tecniche dell'atletica era stato pensata in un'epoca, circa 100 anni fa, in cui le apparecchiature video non erano ancora state innovate e diffuse. Anche quell'articolo menzionava che potrebbe essere ridefinito insieme allo sviluppo e alla diffusione di apparecchiature visive come le videocamere ad alta velocità.

 

 

Differenza tra correre e camminare espresse verbalmente

 

La figura mostra un'illustrazione di "un uomo che fa jogging" e "un uomo che cammina" pubblicati in "Cute Free Material Collection Illusto-Ya" aperta sul web (2020, Illusto-Ya).

 

 

 

Sebbene la figura non mostri chiaramente l'identificazione tra corsa (jogging) e marcia, può essere chiara a chiunque. Tuttavia, poiché queste illustrazioni non indicano dove si trova il terreno, la distinzione tra corsa e camminata in questa figura si basa su un criterio diverso dal "mantieni o perdi contatto con il suolo" menzionato nella sezione precedente.

Le stesse relazioni possono essere viste in molti film con animazioni e cartoni animati. Quando noi esseri umani giudichiamo visivamente e distinguiamo "questo è correre" e "questo è camminare", potrebbe non essere la presenza o l'assenza di contatto con il suolo, ma "schemi di movimento degli esseri umani".

 

Si può considerare che il giudizio nella marcia è anche dato dal riconoscimento del "modello di movimento umano". Anche se chiedi ai più esperti giudici e agli allenatori di marcia internazionali dei paesi tradizionali che hanno giudicato e allenato molti atleti internazionali di alto livello, il giudizio se "questo è correre o camminare" potrebbe dipendere da quel riconoscimento non verbale. Quindi, è probabile che sia chiaro che ci sono schemi di movimento comunemente riconosciuti.

Il defunto allenatore polacco Mr. Hausleber, che è stato capo allenatore della marcia messicana che ha spazzato il mondo negli anni '80 e '90, usava dire sull'insegnamento della tecnica della marcia: "Quando un bambino, che vede la marcia per la prima volta, dice che questo è marciare e non correre, allora questa tecnica è quella corretta per la marcia". Queste parole spiegano che tale riconoscimento non verbale di schemi viene prima, e si pensa che la formulazione delle regole di concorrenza fosse in qualche modo verbalizzata nella misura possibile con la tecnologia in quel momento perché era necessario verbalizzarla come regola.

Abbiamo riferito con analisi bio-meccaniche di perdita di contatto in una competizione internazionale che erano state condotte circa 15 anni fa che non c'era alcuna relazione tra la durata dell’assenza della fase di contatto con il suolo e la presenza o l'assenza di del giudizio  del giudice relativamente alla perdita di contatto. Si può dire che la contraddizione si verifica tra il riconoscimento di modelli non verbali e la definizione di regole linguistiche come descritto sopra.

 

 

Differenza tra corsa e marcia sotto l'aspetto biomeccanico

 

Allora, come sarebbe descrivere la differenza tra correre e camminare nella Fig. 1 in base alla lingua? Quale era disegnato mentre correva e quale mentre camminava ?

 

Si può trovare la distinzione tra corsa e camminata sul sito web di "Illusto-Ya". 

La Figura 1a è una "illustrazione di un uomo che cammina" e la Figura 1b è una "illustrazione di un uomo che fa jogging". 

 

Confrontando queste due figure, non c'è quasi nessuna differenza nella parte superiore del corpo. Il gomito del braccio sinistro tirato all'indietro è solo leggermente esteso nell'immagine della corsa. D'altra parte, che dire della parte inferiore del corpo? Nell'articolazione dell'anca, si può vedere che è più estesa avanti e indietro nella corsa rispetto a quella nella marcia. Inoltre, puoi vedere chiaramente che il piede destro è sollevato e la caviglia è più alta del ginocchio durante la corsa. L'angolo dell'articolazione del ginocchio è leggermente più flesso rispetto a quando si cammina e con il piede destro che calcia. Questo tipo di illustrazioni per esercizi specifici deve essere disegnato poiché tutti possano riconoscere anche a prima vista il tipo di esercizio. Quindi, bisogna sottolineare bene le proprietà di quell'esercizio. Queste caratteristiche della corsa e della marcia mostrate in queste figure sono riportate anche con l'evidenza dei parametri biomeccanici.

 

Sui dati del Dr. Ralph Mann (1982), confrontando i cambiamenti nell'angolo articolare degli arti inferiori, è stato descritto il confine distintivo tra corsa e camminata. 

Durante l'intero ciclo, dal contatto del tallone a un altro contatto del tallone dello stesso lato passando dallo stacco della punta del piede  sia nella corsa che nella marcia, si osserva che la gamma di movimento sia della flessione che dell'estensione dell'articolazione dell'anca è maggiore nella corsa che nella marcia. 

In particolare, la flessione dell’anca inizia nella corsa dopo aver lasciato in terreno, mentre la flessione inizia prima di averlo lasciato nella marcia. Questo punto è coerente con l'ampiezza dell'apertura in avanti e all'indietro dell'articolazione dell'anca nell'illustrazione e con l'ampiezza del sollevamento del ginocchio dopo lo stacco. All'articolazione del ginocchio, la flessione è maggiore durante la corsa sia al contatto con il tallone che con la punta, il che è anche coerente con la flessione del ginocchio dopo la fine della spinta  nell'illustrazione, e il ginocchio esteso al momento del contatto con il tallone. Queste prove corrispondono alla definizione di marcia nelle regole tecniche, "la gamba che avanza deve essere estesa (cioè non piegata al ginocchio) dal momento del primo contatto con il terreno fino alla posizione verticale".

 

Da questo punto di vista, la corsa può essere definita come "un passo in cui lo stacco dal suolo avviene mentre si estende l'articolazione dell'anca" e come “un passo in cui la flessione dell'articolazione dell'anca prima dell'atterraggio è ampia, e da lì, oscillare dall’indietro con il ginocchio piegato e contattare il suolo“. 

Inoltre, la deambulazione può essere definita come “un passo in cui la flessione dell'articolazione dell'anca prima del contatto è piccola, e l'anca è ruotata all'indietro mentre il ginocchio è esteso durante il contatto".

Poiché questi movimenti dell'anca durante la deambulazione possono aiutare a ridurre il locus del piede oscillante durante la deambulazione, i marciatori possono ridurre e diminuire la perdita del tempo di contatto. Queste definizioni possono incoraggiare i marciatori a marciare più correttamente secondo le presenti regole, inoltre aiutano i giudici di marcia a rendere un giudizio facile e chiaro.

Il giudizio semplice e chiaro può essere la chiave per lo sviluppo globale della marcia.

 

Quindi, la ricerca biomeccanica per il giudizio secondo le presenti regole dovrebbe essere condotta al fine di indagare su come i giudici di marcia riconoscono come marcia da corsa con il loro riconoscimento del modello.

 

 

Koji Hoga Miura

 

 

Riferimenti

 

Illusto-Ya(2020): “Cute materials of illustrations”, https://www.irasutoya.com, (reference: 2020-12-10)

 

Mann, R.(1982): American Academy of Orthopedic Surgeon Symposium on the foot and leg in running sports, Mosby Co., St.Louis, pp129.

 
 


Condividi su facebook