04/09/2020   Jane e Lamberto vent'anni dopo






 

 

 

La marciatrice Jane Saville ha vissuto l'agonia di essere stata squalificata poco prima di una medaglia d'oro olimpica ai Giochi di Sydney nel 2000. Ma come si è sentito ad essere il Giudice Capo che le ha mostrato il paletta rossa ?

 

di Iain Payten Vicedirettore di Sport Editor per Sydney Morning Herald, traduzione di Marcia dal Mondo

Photo credits:
- copertina: Channel Seven - Australia
- il gruppo di atlete: Dallas Kilponen 
- Saville in lacrime: Craig Golding - AUS
- Podio di Atene: Fairfax Media - AUS
- Arrivo della 20km uomini: Fairfax Media - AUS

 

 

 


 

 

 

L'inglese di Lamberto non è squillante come ai tempi migliori, ma quella sera era particolarmente tranquillo.
Alcuni dei giudici di marcia si erano riuniti dopo cena negli appartamenti del Lidcombe dove i funzionari di atletica leggera delle Olimpiadi di Sydney erano accampati per i Giochi.
 
Tutti erano stanchi. La giornata era stata lunga, calda e controversa, e i media australiani indignati non avevano nemmeno raggiunto il pieno ritmo.
 
Era il 28 settembre 2000 e all'inizio della giornata la marciatrice australiana Jane Saville era stata squalificata in modo straziante a poche centinaia di metri da una medaglia d'oro nella marcia di 20km
L'uomo tranquillo era Lamberto Vacchi, un geniale giudice italiano di marcia.
Avete visto Vacchi, ma probabilmente non avete mai sentito il suo nome.
 
Vacchi era il giudice olimpico che, vestito con pantaloni beige e cappello bianco, è saltato fuori e ha mostrato a Saville la paletta rossa a circa 200 metri da una medaglia d'oro, strappando il suo sogno olimpico.
 
"Lamberto era sconvolto", ricorda il veterano giudice australiano Bob Cruise.
"Era molto giù quella notte. Come giudice, eliminare chiunque sia in testa alle Olimpiadi o a un evento importante, è piuttosto difficile.
"Ma Jane essendo un'australiana ed essendo il suo pubblico di casa e tutto il resto ... lui capiva per lei.
"C'era una vignetta su un giornale in cui mi sono imbattuto quella notte per qualche motivo, mostrandolo con la sua paletta. Gli ho mostrato questo e ho pensato che potesse tirarlo su di morale.
"Non ha migliorato il suo umore. Neanche un po'."
 
 
Uno sport brutale
 
I giudici di marcia sono la nervatura principale di questo sport, che però è senza dubbio uno sport brutale.
C'è quasi un pedaggio fisico il marciare a un ritmo nel quale la stragrande maggioranza di noi non riesce a correre - pensate a quattro minuti al chilometro - ma sono gli atleti che rischiano di essere messi fuori gara da un momento all'altro, se l'istinto competitivo è troppo alto e spingono troppo per vincere.
La marcia è uno dei pochi sport olimpici in cui la moderazione è importante quanto lo sforzo, per evitare che la tua camminata si trasformi, tecnicamente, in una corsa.
E i giudici di marcia, beh, non perdono tempo. Si considerano gli arbitri dell'equità e sono pronti a squalificare tutte le persone che sia necessario, anche sul palco olimpico.
 
"L'obiettivo generale del giudice è garantire che un corretto marciatore vinca una gara di marcia", afferma Cruise.
 
Quindi, dopo una carriera di 31 anni come giudice di marcia che includeva campionati del mondo e Olimpiadi, Vacchi non era una viola rimpicciolente. La nomina del 60enne a giudice capo delle gare di marcia alle Olimpiadi di Sydney nel 2000 rifletteva il fatto.
In ogni caso il dirigente bancario dall'Italia era anche ampiamente considerato nello sport come un vera brava persona.
 
E quando è stato contattato da The Sydney Morning Herald e The Age nella sua casa vicino a San Benedetto Val di Sambro, una piccola città della regione Emilia-Romagna, Vacchi non avrebbe potuto essere più felice di condividere i suoi ricordi di Sydney per la prima volta.
 
"Quando ho ricevuto la designazione [per essere giudice capo] è stata una grande gioia", ha detto Vacchi. "Ero felice di questo incarico e determinato a fare bene il mio lavoro".
 
Questo è per noi il momento per un corso accelerato sulle regole e sui regolamenti della marcia. In parole povere, un marciatore deve sempre avere un piede per terra. I replay al rallentatore e le fotografie possono trovare facilmente due piedi per aria, ma i giudici possono determinare una "perdita di contatto" solo in base a ciò che possono vedere ad occhio nudo.
 
"SPe iniziare a fare i conti con tutto ciò, bisogna sapere che la perdita di contatto è generalmente compresa tra 30 millisecondi e 70 o 80 millisecondi", afferma Cruise, presidente di Race Walking Australia.
"Anche un buon giudice non riesce a vedere talvolta fino a circa 50 millisecondi; tutto è molto veloce per l'occhio nudo."
 
I marciatori devono anche mantenere la gamba avanzante completamente estesa dal momento del primo contatto con il suolo fino alla linea verticale.
Ci sono otto giudici a giudicare una gara olimpica e tutti i concorrenti. Se tu ricevi tre "red cards" tu sei fuori. Se un atleta ricevre tre red cards, il giudice capo viene avvisato e il più rapidamente possibile - possono volerci alcuni minuti - si sposta in un punto in cui tira fuori la paletta rossa e notifica la squalifica al marciatore.
Il mostratre la paletta rossa è il ruolo principale del giudice capo che non emette alcun giudizio durante la gara gara.
Per questa burocrazia in tempo reale, quindi è necessaria una macchina ben oliata o le cose possono andare storte.
E nella prima gara di marcia delle Olimpiadi di Sydney - la 20 km maschile - le cose sono andate decisamente male.
Se si pensava che a Saville fosse stata dura a Sydney, dedicate un pensiero al camminatore messicano Bernardo Segura.
 
Segura ha tagliato il traguardo per primo e il Messico era in estasi. Segura ha anche ricevuto una telefonata dal presidente messicano a bordo pista.
 
 
 
 
Il problema era che l'arrivo veloce di Segura era stato troppo veloce e Cruise lo aveva colpito con una terza red card a poche centinaia di metri dall'ingresso dello stadio.
Vacchi era troppo lontano sul percorso squalificando un altro camminatore per fermare Segura prima che finisse.
Alla fine, dopo che Vacchi ha atteso educatamente il termine della telefonata presidenziale e 15 minuti dopo aver tagliato il traguardo, a Segura è stato detto che era stato squalificato.
 
Il presidente messicano si è lamentato con il capo del CIO Juan Antonio Samaranch ed è stato presentato un appello al CAS. È stato respinto ma è stato tutto troppo complicato per il giudice capo.
 
"Alla luce dell'esperienza dei 20km uomini, per la gara femminile ho cambiato posizione spostandomi in fondo al tunnel", ha detto Vacchi.
"A circa 120 metri dal traguardo."
 
 
"Pensavo di essere proprio come Cathy"
 
Jane Saville era una campionessa australiana e una medaglia d'oro del Commonwealth, ma non era tra le favorite per vincere l'oro olimpico nella 20 km a Sydney. Era stata gravemente ostacolata da un infortunio nei mesi precedenti i Giochi.
 
"Sarebbe stata solo nella mezza dozzina migliore. Ma ha fatto bene quel giorno e c'erano circa quattro o cinque delle migliori donne che erano state squalificate quando è arrivata in testa", ricorda Cruise.
 
 
 
 
Nella prima parte della gara, Saville avevafaticato duramente per stare attaccata alle leader, ma la medaglia d'argento delle Olimpiadi di Atlanta Elisabetta Perrone, dall'Italia, sembrava essere la vincitrice.
Ma la tensione fa cose strane. La moderazione di Perrone è scivolata e al nono giro di 2 km l'italiano ha raccolto tre red cards. Rosso, rosso, rosso e via.
Saville ha preso il comando, ma inutilmente una confusa Perrone ha continuato per un altro giro prima di fermarsi.
 
Con la cinese Wang Liping a 30 metri di distanza, Saville era ormai a pochi minuti dal vivere il suo sogno.
Parlando dalla sua casa in Spagna, Saville ha detto di poter sentire la folla ronzante di 97.000 seduti nello stadio gigantesco. C'erano 97.001 persone entusiaste del suo imminente arrivo in pista.
 
"Pensavo di essere proprio come Cathy [Freeman], quanto è meraviglioso?" Ha detto Saville.
"Ricordo di essere scesa dalla rampa, di aver sentito le persone e di aver pensato 'Wow, questo è per me'."
 
Vacchi era nel suo nuovo posto ai piedi del vialetto di cemento, nascosto nvolontariamente, mentre Saville si caricava.
L'umile direttore di banca si sentì un nodo allo stomaco. Era appena stato informato che Saville aveva raccolto un terzo colpo un chilometro indietro ed era fuori. Questo sarebbe brutale.
 
"Ricordo bene quando ho dovuto mostrare la paletta rossa", ha detto Vacchi.
"Ero consapevole della grande delusione che avrei causato al pubblico australiano che l'aspettava sul podio. Era un rammarico che poco prima avevo provocato il pubblico italiano [con Perrone], che seguiva la gara in televisione."
 
 
 
 
Due anni prima che Steven John Bradbury avesse anche ottenuto il suo oro olimpico, Wang Liping la passò e rivendicò la medaglia d'oro.
L'angoscia di Saville era cruda.
Dando le spalle alla telecamera e senza volto, Vacchi ha assunto la forma pubblica di un giudice senza cuore, anche un po' troppo ansioso. Crudelmente invadente.
 
"Ma Lamberto era fondamentalmente il boia, non la giuria", dice Cruise. "Non ha giudicato nessuno".
 
Saville non aveva idea di chi fosse il giudice con il cappello bianco, ma anche nella sua tristezza, si sentiva in colpa per Vacchi.
 
"Mi sono sempre dispiaciuta per lui", ricorda Saville.
"Alla fine della giornata, la maggior parte dell'Australia odiava quel tipo. Tutti mi dicono ancora "Volevo lanciargli il telecomando, eravamo così arrabbiati con lui"' e "puoi credere a quel tipo ?". Ma lui era solamente il messaggero, e la gente non se ne rendeva conto. Non ha fatto la chiamata. Stava solo facendo il suo lavoro".
 
Ben presto il circo olimpico fece le sue tende e lasciò Sydney. Vacchi tornò a casa in Italia e continuò a fare il giudice e fromatore dei giudici di marcia fino all'età di 75 anni.
 
 
 
 
Saville si è lasciata alle spalle la delusione di Sydney e, nonostante un'altra dolorosa squalifica ai campionati del mondo del 2001, ha vinto una medaglia di bronzo alle Olimpiadi di Atene nel 2004. Considerato quello che aveva sopportato, Saville era davvero entusiasta.
Così anche quando ha finalmente vinto quella medaglia d'oro in casa, ai Giochi del Commonwealth del 2006 a Melbourne, dopo aver portato la bandiera della squadra australiana.
 
Saville e Vacchi impiegarono quasi un decennio per incrociarsi una seconda volta. Dopo un evento mondiale a squadre in Francia nel 2009, Saville era alla funzione post-gara con alcuni amici italiani quando un uomo (ndr: anche lui giudice di marcia) si avvicinò per salutare.
 
"Abbiamo chiacchierato e il mio amico ha detto: "Non sai chi è questo, vero? È il tipo che ti ha squalificato a Sydney'", ha detto Saville.
"Abbiamo riso e ci siamo divertiti. Sapevo che quel giorno era solo il messaggero, quindi ovviamente non ho avuto rancore. In realtà abbiamo fatto una foto con me, Lamberto e la sua paletta rossa".
 
Non vedeva quel dispositivo del destino da otto anni. Era la stessa paletta usata da Vacchi a Sydney.
Saville ha rivelato di aver provato ad acquistare la sua famigerata paletta rossa durante la svendita di attrezzature post-Olimpiadi nel 2000, ma gli organizzatori sono arrivati ​​a mani vuote.
 
"Ho pensato che se non avessi ottenuto la medaglia d'oro, avrei voluto quella paletta rossa", ha detto Saville.
"Ma mi sono reso conto che era quello personale di Lamberto - li portano con sé in giro per il mondo. Alla fine ci siamo fatti una foto. È su un disco nel mio garage a Sydney, da qualche parte. È stata una serata divertente".
 
Saville ora divide il tempo tra le case in Australia e in Oliva, fuori Valencia, con i suoi figli e il marito Matt White, un ex ciclista professionista che ora è direttore sportivo della squadra professionistica Mitchelton-Scott.
 
Saville è entrata a far parte del comitato di marcia della IAAF per alcuni anni dopo aver abbandonato le gare e ha lavorato - anche se per breve tempo - come lei stessa giudice.
 
"Ho seguito la carriera di Saville come formatore IAAF. Ci siamo incontrati alcune volte ed è stata molto gentile", ha detto Vacchi.
"Ho sempre ammirato la sua gentile risposta a quello che è successo."
 
Saville rimane gentile.
 
"Ho incrociato la strada con lui un certo numero di volte, è un lavoro così difficile essere un giudice, quindi tanto di cappello a loro", ha detto Saville.
"Ne abbiamo parlato [Sydney]. Ha detto che era davvero difficile ... non poteva non averti influenzato. Soprattutto il modo in cui tutti hanno interpretato male l'intera cosa, pensando che fosse il cattivo e ha ucciso il mio sogno olimpico. Noi siamo un gruppo appassionato in Australia, quindi è stata molta pressione su di lui, poverino".
 
Vacchi ha 80 anni, è felicemente in pensione dalla banca e vive sulle colline tosco-emiliane. Ha due figli, Claudia e Sebastiano, e quattro nipoti, che orgogliosamente definisce "tutti grandi sportivi".
 
"Vivo in un piccolo paese di 550 abitanti sulle montagne tra Firenze e Bologna, organizzo eventi di trail running e gestisco una biblioteca", ha detto Vacchi.
"Avendo raggiunto l'età di 80 anni e lasciato il mondo dei giudici, spero di essere ricordato per tutto il mio insegnamento, non per le squalifiche".
 
Saville non riesce a credere che siano passati 20 anni. Attualmente è occupata dai progressi della squadra di suo marito al Tour de France, dalla disperazione dei suoi figli per Lionel Messi che lascia Barcellona e dalla preoccupazione per gli atleti olimpici influenzati dal COVID-19.
 
 
 
 
Ma non teme gli eventi di Sydney. Saville ammette che a volte sogna ad occhi aperti di tornare al sole e sulla pista rossa, e sentire il potente ruggito e vincere l'oro.
 
Ma visto dove l'ha portata la vita da quando la paletta di Lamberto ha cambiato tutto questo, ritiene che non cambierebbe nulla.
 
"Sarei stata solo una delle tante medaglie d'oro australiane a Sydney, quanti c'erano? 17? 18?", dice Saville.
"Ma io sono diversa. La mia storia è diversa. Ho vinto una medaglia ad Atene, di cui sono estremamente orgogliosa. E questo è ciò che rende le Olimpiadi, sono tutte storie di persone.
"E' fantastico che tu abbia parlato con Lamberto perché la gente dimentica, le Olimpiadi sono l'apice anche per un ufficiale. Le loro storie contano altrettanto.
"Sydney, se ci ripenso adesso, è stata una bellissima esperienza.
"Ricordo che mio padre mi disse che sarebbe tornato a casa sull'autobus e tutte le persone parlavano di marcia. Normalmente, nessuno parla mai di marcia.
"E un amico mi ha anche detto che erano stati al pub e dopo la mia gara, un grande gruppo di ragazzi era lì e stavano tutti discutendo sulla marcia.
"Questo è abbastanza importante per me. Mi piace."
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 


Condividi su facebook