16/07/2020   Non c'è fine nel caso di doping di Lupita Gonzalez






 

 

Non c’è fine nella vicenda di doping del 2018 di Maria Guadalupe Gonzalez Romero

 

Nell’ottobre del 2018, Lupita Gonzalez fu sottoposta a sorpresa ad un controllo fuori-competizione. Le successive analisi portarono a scoprire livelli sopra il consentito di epitrenbolone, un metabolita del trenbolone, ovvero uno steroide anabolizzante.

Nella fase delle “indagini preliminari” prima del processo, l’atleta giustificò la presenza di quella sostanza proibita, con il consumo di carne contaminata nei giorni precedenti il controllo.

 

L’Athletic Integrity Unit non crede a questa versione dei fatti e la condanna con decisione di prima istanza a firma di Juan Pablo Arriagada Aljaro (Sole Adjudicator) a quattro anni di squalifica fino al novembre 2022.

 

Durante l’audizione presso il CAS-TAS Lupita Gonzalez avrebbe però ammesso che le quantità di carne che aveva dichiarato di aver assunto in realtà non erano vere.

Oltre a presentare delle testimonianze, fra le quali quella del proprio allenatore ed a chiedere di essere scagionata dall’accusa di doping richiamandosi al caso di Jarrion Lawson, la Gonzalez aveva tirato in ballo anche l’avvocato che l’aveva difesa in prima istanza che, secondo lei, le avrebbe dato dei consigli sbagliati.

 

Il 14 luglio attraverso il proprio profilo twitter l’Athletics Integrity Unit segnala di aver aperto una ulteriore indagine a carico dell’atleta a seguito della sua presentazione di documenti falsi e prove fabbricate.

 

 

 

 

Tutto ciò si traduce in una possibile ulteriore sanzione che porterebbe la squalifica ad un totale di otto anni.

 

 

 

Il link al profile Twitter della Athletic Integrity Unit: clicca qui

 

 

 

 

Le motivazioni dell'arbitrato del CAS: clicca qui

 



Condividi su facebook