23/03/2020   Tokyo, la difficile decisione nella guerra dei nostri giorni






 

 

Nel modo complicato e vaticano di comunicare le sue decisioni più difficili, il Comitato Olimpico Internazionale (CIO) ha informato il mondo ieri domenica 22 marzo che sarà molto difficile, se non impossibile, che la fiamma olimpica si accenda nel calderone dello Stadio Olimpico di Tokyo il prossimo 24 luglio.

 

Dopo aver mantenuto la sua posizione, ferma come una roccia per non toccare i Giochi nonostante la pandemia di COVID-19, il CIO presieduto da Thomas Bach ha annunciato che “apre un periodo di quattro settimane per analizzare lo sviluppo della crisi sanitaria mondiale giorno per giorno e il suo impatto sui Giochi, compresa la possibilità di rimandarli”. "Una cancellazione pura e semplice non risolverebbe alcun problema né aiuterebbe nessuno", ha affermato la dichiarazione rilasciata domenica pomeriggio dopo che si è saputo che Bach aveva urgentemente chiamato il suo comitato esecutivo. "La cancellazione non è nella nostra agenda."

 

Secondo varie fonti, la data preferita dal CIO e dal comitato organizzatore sarebbe stata nei mesi di settembre e ottobre, lo stesso periodo di tempo in cui si tenevano i Giochi del 1964, il precedente evento olimpico nella capitale giapponese. Tuttavia, quei mesi sono sia il periodo del monsone meteorologico sia i mesi scelti da altre importanti competizioni internazionali che hanno dovuto rinviare i loro campionati. Inoltre, non vi è alcuna garanzia che la pandemia di coronavirus sarà sotto controllo da allora.

 

Ritardarli di un anno, fino al luglio 2021, sarebbe difficile perché gli anni dispari celebrano i loro campionati mondiali di atletica, nuoto e ginnastica, i tre principali sport olimpici. Lasciandoli per il 2022, approfittando del fatto che la Coppa del Mondo del Qatar si svolgerà a dicembre e i Giochi invernali a gennaio, sarebbe il terzo scenario previsto.

 

L'evento di Tokyo è stato l'unico grande evento sportivo mondiale che si è aggrappato alle sue date nonostante il fatto che la stragrande maggioranza dei suoi principali protagonisti (sarebbero attesi dagli 11.000 atleti di 206 paesi), potesse allenarsi normalmente, nonostante il mondo ancora non sa come e quando supererà la pandemia di salute che ha praticamente paralizzato la vita delle sue città, nonostante la grande recessione economica che è prevista dopo il culmine della crisi della salute pubblica.

 

La data finale sarà scelta congiuntamente dal CIO con il governo del Giappone dopo aver ascoltato il parere dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS).  

 

Anche il primo ministro giapponese Shinzo Abe, che voleva mantenere i Giochi in programma come dimostrazione del potere dell'umanità e della vittoria contro il virus che fa vivere le società in uno stato di eccezione, sta cedendo al buon senso. 

 

Il CIO dovrà rinegoziare con le aziende televisive (il canale Discovery, proprietario di Eurosport, ha tutti i diritti per l'Europa) i miliardi di euro in cui ha venduto la trasmissione dei Giochi e con tutti i suoi principali sponsor. Anche i milioni di euro che verranno raccolti dal comitato organizzatore per la vendita dei biglietti sono a rischio e, come riconosce il CIO, i problemi che genereranno la modifica di milioni di notti di prenotazioni alberghiere sono incalcolabili.

 


Condividi su facebook